Piante da camera da letto: quali scegliere?

Si possono mettere le piante in camera da letto? E’ nocivo dormire in una stanza dove sono presenti anche delle piante?

La risposta è che la maggior parte delle piante in commercio non provocano disturbi al sonno o problematiche connesse con l’aria che respiriamo durante il sonno. Fanno eccezione ovviamente le piante che possono causare reazioni allergiche o il cui odore potrebbe disturbare il sonno.

Le migliori piante da camera da letto

Alcuni tipi di piante sono indicate per la camera da letto, mentre altre no. Qui ti riportiamo una lista con le piante che si trovano comunemente in commercio e che puoi tranquillamente tenere nella tua stanza da letto.

Spatafillo

19,90  disponibile
Amazon.it
aggiornato al 20/10/2021 4:42 pm

La prima fra tutte per bellezza e per benefici è lo Spatifillo. Esiste di più colori, ma il più comune e grazioso è quello con il fiore bianco. Te la consigliamo perché, oltre ad essere esteticamente piacevole, una sola pianta di Spatifillo può purificare uno spazio di 10 metri cubi! Cattura tutti i gas nocivi e le particelle inquinanti e rende la tua camera da letto un ambiente più pulito.

Orchidea

Tra le piante più belle da tenere in camera da letto non possiamo non citare le Orchidee: coloratissime e affascinanti, queste piante hanno la capacità di assorbire la formaldeide presente nell’aria.

piante da camera da letto: l'orchidea

La formaldeide è una sostanza che in alcuni casi può provocare allergia, asma o reazioni cutanee. La si trova nei mobili di truciolato, nelle sigarette e nei tappeti. Le orchidee non hanno un profumo fastidioso, quindi puoi tranquillamente sistemarle nella tua camera da letto.

Lavanda

Se ti piacciono particolarmente i fiori, puoi decidere di arredare la tua camera con la Lavanda. Il suo profumo ha proprietà benefiche per il sonno: riduce l’ansia e concilia il buon riposo.

dormire con le piante in camera si può? SI, anche con la lavanda!

Se la scegli, valuta bene l’idea di dormire ogni notte con la fragranza di lavanda che alla lunga potrebbe infastidirti.

Felce

Passiamo alla felce, pianta decorativa priva di fiori che renderà la tua camera da letto più verde e decorata, oltre ad essere bella ripulisce anche l’aria. Infatti, la felce riesce a filtrare monossido di carbonio, xilene e formaldeide.

Amazon.it
aggiornato al 20/10/2021 4:42 pm

Però dovrai trattarla bene: questa pianta ha bisogno di molta umidità per vivere bene, te la consigliamo se hai una stanza da letto con bagno annesso. In alternativa, è consigliata anche come “pianta da bagno”.

Gerbera

Inseriamo in lista anche una varietà un po’ più difficile da curare, ma adatta: la Gerbera. Grazie ai suoi grandi fiori dai colori sgargianti renderà l’ambiente più gioioso. I suoi fiori somigliano un po’ a delle margherite. Questa pianta ha bisogno di una posizione luminosa, asciutta e ben ventilata.

un dettaglio di una gerbera

Oltre ad essere un’ottima decorazione, sprigiona ossigeno durante la notte rendendo l’aria più respirabile.

Falangio

29,90  disponibile
partire da 29,90€
Amazon.it
aggiornato al 20/10/2021 4:42 pm

Anche la pianta Falangio è molto bella, questa piccola pianta crescendo sviluppa dei fusti “cadenti” che la rendono particolare e adatta anche a stare “sospesa” o in vasi da parete. Chiamata anche “pianta ragno”, può eliminare le sostanze cancerogene presenti nell’aria.

Valeriana

Tornando alle piante con effetto rilassante, la valeriana è perfetta per dormire meglio. Respirare la fragranza dei suoi fiori favorisce il buon sonno. Unica pecca: dovrai assicurarti che sia esposta al sole almeno 6 ore al giorno, quindi occhio alla posizione!

Piante grasse in camere da letto

Vediamo quali piante grasse sono indicate per la camera da letto grazie alle loro influenze positive nel sonno e alla loro attività di “purificazione” dell’aria.

Aloe Vera

La prima da menzionare è l’Aloe Vera. Questa pianta è consigliata per chi vuole dormire meglio, infatti, le sue foglie “rimuovono” agenti come formaldeide, toluene e xilene (presenti nella stanza da letto) e rilasciano ossigeno!

Amazon.it
aggiornato al 20/10/2021 4:42 pm

Funziona come un indicatore di qualità dell’aria: se sulle foglie verdi compaiono macchie scure significa che l’aria è particolarmente sporca.

Cactus

Anche il Cactus è una pianta grassa indicata da tenere in camera da letto, infatti, durante la notte assorbe l’anidride carbonica dall’aria (solitamente si pensa il contrario).

Agave

Anche l’Agave è consigliata perché, allo stesso modo del cactus, assorbe un discreto quantitativo di anidride carbonica durante la notte. Ad essere precisi le Agavi sono una famiglia di cactus da cui derivano anche i vari tipi di aloe.

piante che purificano l'aria: un agave

L’agave è una pianta da camera da letto perfetta per chi non ha molto tempo per il giardinaggio, per principianti o per chi semplicemente non ha tempo.

Dracaena

Passiamo alla Dracaena. Te la consigliamo se sei un fumatore o vivi con un fumatore. Perché? Perché la Dracaena durante la notte assorbe il fumo di sigaretta, o meglio molti dei suoi componenti, purificando l’aria che circola in camera.

Inoltre, questa pianta è molto scenografica e renderà più piacevole l’ambiente della tua camera da letto. Ha però una particolarità: è velenosa, quindi deve stare lontano dalla portata di animali o bambini piccoli.

Le piante in camera da letto fanno male?

Contrariamente a ciò che si pensa, le piante in camera da letto non fanno male. Infatti, negli anni ’80 è stato dimostrato e confermato perfino dalla NASA attraverso ad uno studio (poi pubblicato nel 1989).

Lo scopo dello studio era quello di capire quali piante potessero essere utili per disintossicare l’aria delle stazioni spaziali. Alla fine, è emerso che avere una pianta in camera da letto aiuta a dormire meglio e purifica l’aria, basta scegliere le varietà giuste.

Ricordati però di valutare attentamente il numero delle piante in base alle dimensioni della stanza e di evitare quelle dal profumo troppo avvolgente e/o persistente che potrebbe disturbare il sonno o provocare nausee.

La credenza popolare che tenere le piante in camera sia nocivo per la salute nasce da un argomento che ci insegnano fin da piccoli: la fotosintesi clorofilliana. Ci hanno sempre detto che le piante di notte rilasciano anidride carbonica e di giorno ossigeno, e questo è vero per alcune, ma non per tutte.

Ad ogni modo, per arrivare ad essere nocive, bisognerebbe essere all’interno di una stanza sigillata con chili e chili di piante che producono alti quantitativi di anidride carbonica.

Tra le piante che aiutano a dormire meglio ci sono: lo Spatifillo, la Sansevieria, L’aloe Vera, il Potus (o Pothos), la Beaucarnea, la Dracena.


Le guide di Superverde.it


Altri articoli dal blog

Lascia un commento